In primo Piano

L’associazione  Avela Pc

L’organizzazione di volontariato A.V.E.L.A. P.C. (Associazione Volontaria Emergenze Locali e Ambientali in ambito di Protezione Civile) è nata nel 2006 sulla volontà dei suoi Soci Fondatori.

Leggi la Storia
image-avela-home

Cosa fare in caso di incendio

SE AVVISTI UN INCENDIO

Se avvisti un incendio chiama il 1515 ed indica con precisione la località, il Comune e la Provincia in cui ricade l’area che sta bruciando.

Learn more

COMUNICA LE INFORMAZIONI

Segnala all’operatore il comune, la località ed il luogo dove hai avvistato l’incendio, fornisci anche le tue generalità e tutte le altre...

Learn more

INTERVENTO DI UNA SQUADRA

Facilita l’intervento dei mezzi di soccorso, non ingombrare la strada con l’autovettura; segui sempre le indicazioni date dal...

Learn more

MISSIONE COMPIUTA

MA ATTENZIONE!! Il terreno percorso dal fuoco è più instabile: presta attenzione perché sulle aree bruciate, aumenta il rischio di rotolamento...

Learn more

Approfondimenti / dal Mondo

  • Rischio incendi
  • Educazione ambientale
  • Estate 2007
  • Come funzionano i Canadair
  • Che cosa fare in caso di incendio?

Nuovo sistema di previsione del rischio incendi boschivi sul territorio REGIONE TOSCANA in collaborazione con LaMMA e CNR

La Regione Toscana, in collaborazione con il Consorzio LaMMA e CNR Ibimet ha predisposto un sistema di previsione del rischio incendi boschivi sul territorio toscano che utilizza l’indice canadese FWI (Fire Weather Index) per determinare il livello di rischio di sviluppo e propagazione di incendio sul territorio regionale.

Il bollettino sul sito di LaMMA esprime con 5 colori le diverse classi di rischio relativo alla giornata odierna e ai due giorni successivi, per ogni comune della Toscana:

Nei mesi estivi occorre prestare attenzione esclusivamente al secondo indice che si visualizza nella pagina, quindi all’FWI, relativo al comportamento del fuoco e quindi alla sua pericolosità potenziale.

La mappa del rischio, aggiornata quotidianamente, viene utilizzata da alcuni anni dall’organizzazione regionale AIB come strumento decisionale per una più efficace gestione operativa degli interventi e dei servizi di prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi.

Da quest’estate viene condiviso con tutta la popolazione, in linea con quanto richiesto a tutte le regioni italiane dal Dipartimento di protezione civile nazionale.